HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
Collana: Scrittori sardi
Anno: 2005
Dimensione: 12x19 cm
Prezzo: € 16,00
ISBN: 88-8467-299-6
____________________

Versione PDF
____________________
Visita il sito della Cuec

PAGINE CORRELATE

pubblicazioni

Sa Vitta et sa Morte, et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu

Il carteggio Farina - De Gubernatis (1870-1913)

Introduzione alla letteratura. Questioni e strumenti

Memorie del tempo di Lula

Quiteria

L'edera

Le carte di Michele Boschino

documento testuale

Dino Manca

Grazia Deledda
Il ritorno del figlio
a cura di Dino Manca

Il curatore

Dino Manca (Nuoro 1965), insegna Italiano e Latino al Liceo Scientifico “G. Spano” di Sassari e Letteratura e filologia sarda presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Sassari. Ha scritto su diversi autori. In questa collana ha pubblicato Sa Vitta et sa Morte, et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu (2002) e Il carteggio Farina-De Gubernatis (1870-1913) (2005). Ha inoltre curato il Glossario e gli Indici del Condaghe di San Gavino (2005). Per il saggio Il laboratorio della novella in Grazia Deledda, ha ricevuto una segnalazione speciale dalla giuria della sezione Studi deleddiani del Premio letterario nazionale “Grazia Deledda”.

L'opera

La novella Il ritorno del figlio ci è stata trasmessa attraverso un manoscritto autografo, conservato nella Sala Manoscritti della Biblioteca Universitaria di Sassari, e diversi testimoni a stampa. Per quanto riguarda buona parte della produzione deleddiana, uno studio della genetica del testo, relativo ai processi correttori e ai diversi stadi di elaborazione, fino ad oggi non c’è stato. Eppure una ricostruzione delle storie redazionali, a partire dalle fasi di gestazione, può aiutare a capire meglio il rapporto intercorso tra la scrittrice e la sua opera. Nel nostro caso scandagliare la documentazione manoscritta di una novella precedente all’edizione a stampa e indagare la diversità redazionale intercorsa fra i testimoni, tentando di individuare natura e funzione dei processi evolutivi e stratigrafici, ci ha consentito, pur nella limitatezza del campo d’azione, di entrare dentro il laboratorio deleddiano, dentro quel ‘farsi testo’ che è proprio di ogni artigianato compositivo e di ogni opera d’arte.

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |