HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
Collana: Scrittori sardi
Anno: 2010
Dimensione: 12x19 cm
Pagine: 480
Prezzo: € 22,00
ISBN: 978-88-8467-640-5
____________________

Versione PDF
____________________
Visita il sito della Cuec

PAGINE CORRELATE

pubblicazioni

Sa Vitta et sa Morte, et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu

Il carteggio Farina - De Gubernatis (1870-1913)

Il ritorno del figlio

Introduzione alla letteratura. Questioni e strumenti

Memorie del tempo di Lula

Quiteria

Le carte di Michele Boschino

documento testuale

Dino Manca

Grazia Deledda
L'edera
edizione critica a cura di Dino Manca

Il curatore

Dino Manca (Nuoro 1965), insegna Filologia della Letteratura italiana e Letteratura e filologia sarda all'Università di Sassari. Ha scritto su diversi autori. In questa collana ha pubblicato: Sa Vitta et sa Morte, et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu (2002), Il carteggio Farina-De Gubernatis (1870-1913) (2005), Il ritorno del figlio (2005) di Grazia Deledda, Memorie del tempo di Lula (2006) di Antonio Mura Ena e Quiteria (2010) di Pompeo Calvia. Ha inoltre curato il Glossario e gli Indici del Condaghe di San Gavino (2005) e scritto con Nicola Tanda una Introduzione alla letteratura (Cagliari, Cuec, 2005).

L'opera

La Deledda è stata una grande scrittrice. Questa convinzione trova rinnovato conforto nella rilettura di un'opera paradigmatica quale L'edera, fatta attraverso lo studio della genetica del testo. Uscito in Italia nel 1908 - dopo che già nel 1907 i tedeschi e i francesi lo avevano accolto con entusiasmo - il romanzo ci è stato trasmesso attraverso un autografo e quattro edizioni a stampa. L'edera è di fatto il racconto di un solo personaggio, Annesa, la «figlia d'anima», la giovane serva che si innamora del proprio padroncino. La sua maturazione avviene significativamente sulla «via di Damasco», dalla cecità del male alla luce del bene, implicata nella pragmatica di esistenti immodificabili nei loro ruoli e dietro le loro tragiche maschere. La coscienza del peccato che si accompagna al tormento della colpa e alla necessità dell'espiazione e del castigo, la pulsione primordiale delle passioni e l'imponderabile portata dei suoi effetti, l'ineluttabilità dell'ingiustizia e la fatalità del suo contrario, segnano l'esperienza del vivere di una umanità primitiva, malfatata e dolente, «gettata» in un mondo unico, incontaminato, di ancestrale e paradisiaca bellezza, spazio del mistero e dell'esistenza assoluta.

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |