HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
Collana: Opere di Enrico Costa
Anno: 2007
Dimensione: 12x19 cm
Pagine: 396
Prezzo: € 18,00
ISBN: 978-88-8467-429-6
____________________

Versione PDF
____________________
Visita il sito della Cuec

PAGINE CORRELATE

pubblicazioni

Racconti

Da Sassari a Cagliari

Giovanni Tolu. Storia di un bandito sardo narrata da lui medesimo

Alla Grotta di Alghero. Appunti e spigolature

autori

Enrico Costa

eventi

Presentazione di due volumi della collana “Opere di Enrico Costa”

Luoghi e Letterature 7 Sardegna

Enrico Costa
La bella di Cabras
a cura di Giuliano Forresu

L'autore

Nato a Sassari nel 1841, Enrico Costa compì nel capoluogo turritano gli studi medi ma, rimasto orfano di padre, dovette ben presto affrontare le responsabilità della vita. Impiegato di banca prima presso la Commerciale e in seguito all’Agricola Sarda dove raggiunse il grado di ispettore, passò alla Tesoreria municipale e infine all’Archivio del Comune. Esperto in materia bancaria scrisse diverse relazioni, di cui la più importante è quella sui Monti di Soccorso di Porto Torres. Giovanissimo iniziò a scrivere poesie e novelle, continuò gli studi da autodidatta dedicandosi anche al giornalismo. Fondò e diresse il periodico “La Stella di Sardegna”. Autore di romanze, ballate, libretti d’opera e inni, fu anche romanziere e storico, in particolare si dedicò allo studio delle vicende della città natale dove morì nel 1909.

Il curatore

Giuliano Forresu (Carbonia, 1983) è laureato in Lingue e Culture europee ed extraeuropee all’Università di Cagliari. Attualmente lavora come receptionist in un albergo milanese.

L'opera

Pubblicato inizialmente a puntate su “L’Avvenire di Sardegna”, fra il dicembre 1887 e il marzo 1888, il romanzo La Bella di Cabras uscì in volume nel 1888.
Attraverso il racconto drammatico della vita della giovane Rosa, Enrico Costa elabora un ritratto della Sardegna negli anni di fine Ottocento, ne descrive paesaggi, usi e costumi con una prosa ricca di riferimenti alla cultura contemporanea e insieme capace di rappresentare sentimenti e visioni del mondo propri dei Sardi.

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |