HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
Collana: Bollettino di studi sardi
Anno: 2018
Dimensione: 17x24 cm
Pagine: 176
Prezzo: € 14,00
ISBN: 978 8873 435 488
____________________

Versione PDF
____________________
Bollettino di Studi Sardi n. 11/2018
n. 11/2018
Rivista diretta da Paolo Maninchedda e Giovanni Lupinu

L'opera

In questo undicesimo volume del BSS pubblichiamo cinque contributi. Nel primo di essi Paolo Maninchedda studia un gruppo di cinque lettere, del 1353, di Mariano IV, tre in italiano e due in sardo: documenti che presentano notevole interesse non soltanto dal punto di vista linguistico, ma anche perché consentono di mettere meglio a fuoco la figura del giudice arborense. Nel secondo contributo Franca Maria Mele si occupa del Codice della Legislazione Marittima per i Porti di S. M., inedita opera manoscritta del giurista sassarese Domenico Alberto Azuni realizzata nel 1791. Nel terzo contributo Annamari Nieddu tratta dell’istituzione del Tribunale Supremo della Reale Udienza di Sardegna, nel contesto di uno sviluppo europeo che tra Cinque e Seicento vide i tribunali supremi affermarsi come strumento di accentramento politico-amministrativo e, insieme, come rimedio contro il particolarismo delle giustizie delegate, causa primaria dell’estendersi delle manifestazioni criminose nei feudi e nelle campagne. Nel quarto contributo Raffaella Sau studia il ruolo del meccanismo rappresentativo nella definizione del sistema di governo dei comuni medievali, concludendo che «non si può negare che il rapporto di rappresentanza che i comuni medievali esperiscono sia orientato alle medesime finalità che hanno guidato l’afferma­zione della rappresentanza moderna». Nel quinto contributo, infine, Giovanni Lupinu dà una nuova edizione del Vangelo di S. Matteo volgarizzato in dialetto sardo gallurese di Tempio dal Rev. P. G. M. Mundula delle Scuole Pie. Con alcune osservazioni sulla pronunzia del dialetto tempiese, del Principe Luigi-Luciano Bonaparte, apparso a Londra nel 1861.

Indice

Presentazione

«Caldi caldi mandali alla forca». Guerra e contatto linguistico in alcune lettere di Mariano IV d’Arborea, di Paolo Maninchedda

Prime considerazioni sul Codice della Legislazione Marittima per i Porti di S. M. di Domenico Alberto Azuni, di Franca Maria Mele

Sviluppi e consolidamento dell’Audiencia sarda (1564-1651), di Annamari Nieddu 

La rappresentanza prima del governo rappresentativo. Brevi note sul Comune medievale, di Raffaella Sau

Il Vangelo di San Matteo voltato in gallurese di Tempio. La traduzione ottocentesca di Giovanni Maria Mundula, di Giovanni Lupinu

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |