HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
Collana: Strumenti
Anno: 2008
Dimensione: 17x24 cm
Pagine: 232
Prezzo: € 15,00
ISBN: 978-88-8467-453-1
____________________

Versione PDF
____________________
Visita il sito della Cuec
Filologia dei testi a stampa
Nuova edizione aggiornata
a cura di Pasquale Stoppelli

L'autore

Pasquale Stoppelli insegna Filologia italiana all'Università di Roma "La Sapienza". I suoi interessi di studio, riferiti in prevalenza ad autori tre-cinquecenteschi, hanno riguardato soprattutto l'edizione del testo, la filologia attributiva e le applicazioni delle tecnologie informatiche alla ricerca filologica. Suoi volumi recenti: La "Mandragola": storia e filologia (Roma, 2005), un'edizione commentata della stessa commedia (Milano, 2006) e Machiavelli e la novella di Belfagor (Roma, 2007).

L'opera

La filologia italiana è nata come filologia dantesca, dunque sul fondamento di tradizioni interamente manoscritte. La filologia volgare inglese ha invece affinato i suoi metodi soprattutto su Shakespeare, le cui fonti testuali sono tutte a stampa. Dante e Shakespeare: il primo al di là, il secondo al di qua dello spartiacque gutenberghiano. Ma la tradizione letteraria italiana conta autori di prima grandezza anche successivamente all'invenzione della stampa (Ariosto, Machiavelli, Tasso e tutti gli altri), per i quali l'indagine filologica non può prescindere dall'applicazione del metodo bibliografico, e in special modo di quel settore della ricerca bibliografica che va sotto il nome di textual bibliography. La tipologia dell'oggetto materiale che veicola il testo, sia manoscritto o libro a stampa, determina infatti in maniera differente i modi della sua trasmissione, richiedendo di conseguenza tecniche di analisi e di ricostruzione altrettanto differenziate.
Fino agli anni Ottanta del Novecento la filologia italiana ha applicato agli autori trasmessi da stampe gli stessi metodi impiegati per quelli trasmessi da manoscritti. L'uscita in prima edizione di questo volume (1987) portava a conoscenza degli studi italiani alcuni dei saggi teorici più significativi della critica filologica anglo-americana, contribuendo così a innovare in relazione ai testi a stampa il quadro metodologico di riferimento. La sua riproposizione oggi non solo rimette in circolazione quei saggi, da considerare ormai dei classici della nuova filologia, ma mira anche a fare un bilancio dei progressi registrati in Italia negli ultimi vent'anni nel nuovo ambito di studi.

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |