HOME
 
CHI SIAMO
 
PUBBLICAZIONI
 
AUTORI
 
PERIODICI
 
DIDATTICA
 
LESSICO
 
BIBLIOGRAFIA
 
RECENSIONI
 
EVENTI
 
ADMIN
 
CREDITS
Vai all'indice di questa sezione
Collana: Scrittori sardi
Anno: 2005
Dimensione: 12x19 cm
Pagine: 440
Prezzo: € 20,00
ISBN: 88-8467-321-6
____________________

Versione PDF
____________________
Visita il sito della Cuec
Francesco Cucca
Lettere ad Attilio Deffenu (1907-1917)
a cura di Simona Pilia

L'autore

Francesco Cucca nacque a Nuoro nel 1882. Si trasferì in Africa per lavorare presso una ditta importatrice di legnami e lì si dedicò con passione alla letteratura. Affascinato dalla cultura musulmana, visse intensamente il rapporto col mondo africano e ne narrò i caratteri e le leggende in Galoppate nell’Islam (1923). Rimase sempre in contatto con la Sardegna e fu soprattutto legato a Sebastiano Satta che gli affidò il compito di trascrivere le poesie poi raccolte nei Canti Barbaricini. Morì a Napoli nel 1947.

La curatrice

Simona Pilia, laureata in Lettere all’Università di Cagliari, ha conseguito il Dottorato di Ricerca nei curricula di Filologia in Cultura e Storia medievale del Mediterraneo occidentale in relazione alla Sardegna, presso l’Università di Sassari. Redattore della rivista “Nae”, è ricercatrice del Centro di Studi Filologici Sardi.

L'opera

Siamo negli anni a cavallo della Prima guerra mondiale, in un panorama mediterraneo che abbraccia la costa nordafricana, la Sardegna, l’Italia, la Francia. L’autore delle lettere è un giovane autodidatta animato da forti idealità politiche e da un’intensa passione per la letteratura. È amico di Attilio Deffenu e gli fornisce i mezzi per pubblicare la celebre rivista “Sardegna”. Le lettere parlano di politica, di economia e di cultura: sullo sfondo un ampio scenario nel quale campeggiano i nomi di Sebastiano Satta, di Grazia Deledda, di Isabelle Eberhardt e di Paul Vigné d’Octon. Poesia, giornalismo, ideali socialisti e anarchici, avventure africane, prima che la guerra cancelli molte speranze e spezzi la giovane vita di Deffenu. Le lettere di Francesco Cucca ad Attilio Deffenu costituiscono un documento utile per illuminare un momento di particolare drammaticità nella storia italiana ed europea

 
Centro di Studi Filologici Sardi - via dei Genovesi, 114 09124 Cagliari - P.IVA 01850960905
credits | login | Informativa sulla privacy |